Tu sei qui

Esperienza didattico-culturale raccontata ai ragazzi di 3^B da un ex alunno della nostra scuola.

Giovedì 23 marzo 2017 gli alunni della classe 3^ B hanno ospitato l’ex alunno della scuola “De Amicis” Gabriele Tiricola attualmente frequentante la classe 1^ media del nostro Istituto Comprensivo.

Gabriele, attraverso un percorso fotografico proiettato alla L.I.M., ha illustrato l’esperienza di una vacanza studio a Worthing (UK) vissuta nel corso dell’estate 2016 insieme ad altri ragazzi suoi coetanei.

I bambini della classe hanno accolto con entusiasmo il loro “fratello maggiore” sventolando bandierine del Regno Unito prodotte insieme alla maestra Maria Teresa Salerno e alla tirocinante Roberta Accursio nei giorni precedenti.

Il racconto si è concluso con una merenda a base di pancakes e sciroppo d’acero, tipici della cultura anglosassone, che i bambini hanno dimostrato di apprezzare.

Di seguito la relazione prodotta dallo stesso Gabriele che spiega nel dettaglio il “viaggio” fotografico.

VACANZA STUDIO IN INGHILTERRA – 11 -25 GIUGNO 2016 – GABRIELE TIRICOLA

Vi racconto il mio viaggio di due settimane in Inghilterra descrivendo i luoghi che ho visitato, così potete farvi un’idea se avete intenzione di provare questa bella esperienza!

Prima del Natale 2015, i miei genitori avevano deciso di propormi di trascorrere una vacanza studio di 2 settimane in Inghilterra alla fine della 5^ elementare, ospite di una famiglia inglese. Non potrò mai scordare la gioia e la felicità appena mi comunicarono la notizia…ero eccitato all'idea di andare in un altro paese, un'altra città e stare per così tanto tempo lontano dai miei genitori, dai miei amici…diciamo…era la prima volta che mi allontanavo per così tanto tempo da casa. Fino ad allora avevo solo trascorso periodi di massimo 7 giorni in caccia con gli scout. Ebbene, prenotammo l’aereo. Oltre a me, avevano deciso di prendere parte alla spedizione anche altri 3 amici di Reggio che già conoscevo: Luca, che avrebbe poi diviso la stanza con me, Giulia e Valeria. Ad accompagnare il trio, Alex, la mamma di Luca.

A) Così, dopo tanta attesa, arrivò giugno e infine il giorno della partenza...Ed ecco che all'improvviso la gioia e l'eccitazione di un tempo si trasformarono in ansia, paura che non mi sarei trovato bene con la famiglia che mi avrebbe ospitato...non so, paura per ciò a cui stavo andando incontro.

B) Viaggio: siamo partiti l’11 giugno, con volo diretto dall’aeroporto di Bologna e atterrando dopo circa 2 ore di volo all'aeroporto London Gatwick. Da lì ci sono venuti a prendere con la navetta per portarci nel paese di destinazione, Worthing, che si trova nel sud dell’Inghilterra.

Famiglia: la nostra casa si trovava al n. 47 di Navarino Road; alla fine della strada, il mare e la spiaggia di Worthing. Una tipica casa inglese, in una tipica via inglese…La nostra famiglia adottiva era composta da: Sam, Tanya, Paddy e Leo: Tania insegnante, Sam meccanico e Paddy 11 anni, appassionato di calcio, tennis, polo, e alle prese con le lezioni di chitarra; Leo, 6 anni, amante del disegno, della ginnastica e del nuoto.

C) Ed ecco che ebbe inizio la mia vita da studente Inglese: sveglia alle 7 e 30, colazione abbondante, con cereali, latte, succo di arancia, toast con burro e poi infilavo il lunch box nello zaino e di corsa a prendere il bus che mi avrebbe condotto a scuola, la St. George school of English; oppure si andava a piedi per poter imparare “sta benedetta lingua inglese”. Devo dire che non è stato così difficile stare dietro ai discorsi dell’insegnante, Mrs Hazel, che ci ha portato anche in giro per il mercato del paese; generalmente però rimanevamo a scuola, per circa 3 ore, con 2 intervalli di 15’ ciascuno che trascorrevamo in classe o nel giardino della scuola. Tra le varie cose abbiamo portato in scena Peter Pan e abbiamo fatto un balletto…

D) Il rientro a casa era previsto all’incirca alle 18, doccia, tempo libero per giocare e poi cena alle 19 in punto con tutta la famiglia! Pensate che per 2 sere ho pure cucinato io: una sera gli spaghetti all’amatriciana e l’altra sera ho fatto la carbonara! Un successone! Dopo cena si saliva in camera e, io, Luca e sua madre Alex, chiamavamo con skype i nostri genitori.

Durante il giorno, oltre ad andare a scuola, naturalmente abbiamo visitato anche numerosi luoghi. I ricordi più belli sono infatti legati alle gite ed alle escursioni.

E) Brighton: la prima escursione è quella che mi è piaciuta di più! Brighton è veramente una bella cittadina sul mare che ospita il Royal Pavilion, la meravigliosa residenza estiva di re Giorgio IV, l'architetto si ispirò all'architettura indiana quindi utilizzò cupole e minareti per l'esterno, mentre l'interno è decorato da preziosi oggetti e mobili di fattura cinese. A Brighton è molto frequentato anche il Brighton Pier, un parco divertimenti costruito praticamente sul mare, accessibile tramite una lunga passerella da una delle tante spiagge della costa. Il mare, le vie piene di negozi insoliti è uno dei luoghi nei quali vorrei tornare presto.

F) Londra: aspettavo questa escursione da tempo!!! Non è piovuto quel giorno, un vero miracolo per essere a Londra! Siamo partiti col treno da Brighton (la stazione e il treno sono proprio uguali a quelli del videogioco che ho sul mio computer) con arrivo a Victoria Station!

Abbiamo visto il cambio della guardia a Buckingham Palace (la residenza della regina), il Parlamento, il Big Ben, il London Eye, la grande ruota panoramica dalla quale abbiamo ammirato lo skyline di Londra, dai grattacieli alle costruzioni storiche; siamo anche saliti su un battello e navigato nel Thames (il Tamigi); nel pomeriggio siamo saliti su un bus a 2 piani e abbiamo scorrazzato per la città passando sopra il London Bridge, il ponte più famoso di Londra. Abbiamo concluso la giornata nel famoso negozio di M&M’s e poi ci siamo mangiati un Hamburger prima del rientro a Worthing in tarda serata. Che faticata! Ma ne è valsa la pena!

G) Harry Potter studios abbiamo esplorato il dietro le quinte per scoprire gli oggetti e le tecniche di realizzazione del film: meravigliosi costumi, gli animatori e gli effetti speciali come la Ford Anglia volante di Arthur Weasley, gli utensili magici da cucina di Molly Weasley e lo strumento essenziale per qualsiasi strega o mago: le scope volanti! Visitata la Piattaforma 9 ¾ e visto lo spettacolare treno a vapore l'Hogwarts express; percorse le vie acciottolate di Diagon Alley e visitato il negozio di bacchette magiche di Ollivander, la libreria Il Ghirigoro, il negozio di scherzi magici Tiri Vispi Weasley e la banca Gringott; esplorato le sale interne e il pianterreno di Hogwarts, compresi la sala comune dei Grifondoro, il dormitorio degli studenti, la capanna di Hagrid, l'Aula delle Pozioni; gli oggetti di scena del film come la Nimbus 2000 di Harry, la motocicletta di Hagrid e le bacchette magiche dei personaggi amati e non. E per concludere un modello in scala incredibilmente complesso e dettagliato degli esterni di Hogwarts

H) Arundel castle: è un castello medievale ristrutturato ubicato ad Arundel, nel West Sussex, sorto alla foce del fiume Arun; il castello è stato danneggiato dalla guerra civile e successivamente ristrutturato; ora è la residenza del Duca di Norfolk. Abbiamo visitato sia il giardino che gli interni del castello e poi ci siamo arrampicati su alcune piante che erano in una parte del giardino. Veramente molto bello!

ATTIVITA’

I) Shoreham RNLI Life boat house: un pomeriggio siamo andati presso questo centro di salvataggio fondato nel 1824 e che da allora ha salvato più di 140.000 vite. I volontari sono disponibili 24 ore su 24, 365 giorni l’anno e operano sulle coste inglesi, irlandesi, nell’isola di Man e nelle isole del canale della Manica. Operano anche come salvataggio sulle spiagge. Noi abbiamo visto tutti i modellini di imbarcazioni esposti e le 2 imbarcazioni che usano per il salvataggio in mare.

L) Art session: per 2 pomeriggi abbiamo fatto una sorta di scuola d’arte con una maestra il cui nonno era italiano; abbiamo dipinto delle borsine di stoffa...pensate che la nostra scuola era in un campo da golf, sotto un gazebo.

M) Clip and climb: un pomeriggio che pioveva siamo andati in questo centro sportivo dove c’era il bowling, una caffetteria e la zona per le arrampicate; ci hanno imbragato e poi abbiamo fatto una decina di percorsi. E’ stato molto divertente anche perché non avevo mai fatto fino ad allora nulla di simile. Alla fine siamo andati in caffetteria ed io ho preso un caffè inglese… nulla a che vedere con il nostro caffè italiano!

N) Bowling: un giovedì pomeriggio siamo andati al bowling, che era esattamente come i nostri bowling italiani; abbiamo fatto una partita tra di noi ragazzi; io sono arrivato secondo a pochi punti di distacco da Valeria che aveva fatto 4 strike … io solo 3…

O) BBQ: il giorno prima di partire, il venerdì sera, abbiamo fatto un Barbecue nel back garden della casa dei genitori di Valeria; ci hanno cucinato gli hamburgers e gli hot dogs, che pure il cane si è mangiato leccandosi i baffi!

P) Il sabato mattina, il 25 giugno ci siamo svegliati alla solita ora e dopo avere chiuso i bagagli, fatto colazione e avere salutato ognuno la propria famiglia, ci hanno condotto all’aeroporto di Gatwick per rientrare in Italia. Sinceramente non vedevo l’ora di rientrare a casa ed abbracciare i miei genitori e soprattutto dormire nel mio letto! Mi sono mancati anche i miei giochi, ma d’altra parte sono contento di avere fatto questa esperienza ed avere conosciuto nuove persone, visto nuovi luoghi e soprattutto di avere imparato le abitudini del popolo inglese. W la Gran Bretagna!

Progetto base realizzato da Nadia Caprotti nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.