Tu sei qui

TERESA VERGALLI: una memoria storica per noi che non c'eravamo 5C

TERESA VERGALLI: una memoria storica per noi che non c'eravamo

 

 

SALA DEL CONSIGLIO COMUNALE 28 APRILE 2017

 

Teresa ha raccontato la sua esperienza di “ staffetta partigiana”, un nobile compito di colei che ha rischiato la propria vita mettendosi al servizio di coloro che combattevano per la patria.

Già adolescente ha percorso in bicicletta ampi territori dalla pianura all'Appennino, come portatrice di messaggi importanti.

I nostri ragazzi hanno colto le qualità straordinarie della partigiana come il coraggio nell'affrontare quelle stagioni dolorose della guerra, l'intelligenza e la perseveranza nel continuare perseguendo gli obiettivi nonostante le difficoltà.

Ha raccontato di aver subito momenti di grande paura, ma ciò che ancora l'addolora è vedere che anche oggi nel mondo ci sono delle guerre. Afferma, infatti, che” le ferite della grande guerra bruciano ancora” e, purtroppo, non sono servite ad imparare la lezione.

Lei, oggi, è in prima linea con i suoi racconti nell'intento di trasmettere un messaggio di pace alle nuove generazioni, considerandosi ancora una staffetta anche dei tempi nostri.

Aggiunge che è determinante creare un collegamento tra noi generazioni di oggi e del futuro con la realtà che la gente ha vissuto in quel periodo di terrore.

I giovani, infatti, devono riflettere su ciò che è accaduto in passato e non permettere che possa accadere ancora.

Teresa è un esempio da seguire per lottare e resistere con dignità e fiducia in noi stessi e nelle nostre potenzialità affinché quegli anni in cui è stato versato troppo sangue, possano servire da lezione e da monito.

Ecco riflessioni e considerazioni di alcuni alunni di classe 5 C

E' stato un onore incontrare Teresa, le ore passate con lei sono state fonte di apprendimento di fatti storici importanti della seconda guerra mondiale.

Ho capito che lei è stata davvero coraggiosa.

In questo incontro ho capito che il mondo sta peggiorando, soprattutto pensando agli attentati compiuti in questi ultimi tempi.

Mi è rimasta impressa la sua affermazione: “La guerra è una notte buia e tempestosa”

Comprendere un libro non è sempre facile ed avere davanti a me la scrittrice è stata un'opportunità per avere tutte le risposte.

Ho trovato l'incontro con la signora Teresa molto utile ed istruttivo. Mi ha trasmesso tante emozioni positive ed ho scoperto tante cose nuove. Ci ha ricordato che la guerra non è uno scherzo, ma un'esperienza molto dolorosa .

A me è piaciuto molto quando è venuta la scrittrice perché ci ha raccontato cosa hanno dovuto subire non solo gli Ebrei, ma anche lei, la sua famiglia e i suoi amici.

Mi è rimasto impresso il suo racconto di partigiana che ha vissuto situazioni pericolosa.

La signora Vergalli ci ha spiegato l'importanza della pace.Ci ha detto che al mondo ci sono persone che fanno discorsi sul rispetto della pace ,ma alla fine bombardano a tutto andare . Teresa invece sa cosa vuol dire guerra e quindi sa anche come combatterla veramente.

Per me è stata un'occasione per capire cose significative. Ho potuto confrontare la mia idea con quella di una persona che ha vissuto la guerra. É stata una grande emozione incontrarla.

Ci ha insegnato che ciò che è successo negli anni passati non dovrà succedere mai più perché è stata una cosa bruttissima. Mi piacerebbe incontrare di nuova la scrittrice .

L'incontro con l'autrice non è stata una cosa da poco, ma un'esperienza indimenticabile. L''emozione che ho provato nel parlare con Lei è stata notevole.

Per me l'incontro è stato bello, ma anche importante perché ci ha insegnato molto e ci ha fatto anche ragionare.

Attraverso le parole della signora Teresa, raccontandoci di lei ragazzina, abbiamo scoperto tutte le atrocità che la gente ha subito durante la guerra.

Alla luce di quello che lei ha subito, ci ha fatto anche capire che bisogna accettarsi l'uno con l'altro anche se siamo diversi.

Mi ha fatto capire che ciò che è successo non dobbiamo dimenticarlo; sono state uccise persone solo perché erano diverse e ciò è stato ingiusto.

Le insegnanti Iemmi e Balestrieri

Progetto base realizzato da Nadia Caprotti nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.