Tu sei qui

Giornata del dono 5C

GIORNO DEL DONO

Il 4 Ottobre ricorre la Giornata Nazionale del Dono; una data in cui l'Italia celebra e dedica un momento di riflessione a questo grande valore per la comunità.

Nella nostra piccola realtà, gli alunni della scuola di Cavriago sono stati invitati dall'Assessore alla pubblica Istruzione ad approfondire l'esperienza del dono, offrendo anche cinque minuti del proprio tempo a qualcuno.. e raccontare tale vissuto in un testo.

Gli alunni di 5 C hanno accolto e gradito moltissimo l'invito, poiché è stato considerato uno stimolo e, soprattutto, un'occasione di crescita personale per tutti.

Sostenere questo giorno, infatti, attraverso le testimonianze di generosità, può incrementare e diffondere la speranza per una società più forte che semina collaborazione e pace.

Partendo dal concetto che “Donare è ricevere” , i ragazzi hanno prodotto ognuno il proprio testo, ripercorrendo l'esperienza vissuta e ponendo in evidenza i sentimenti provati, nello sperimentare in prima persona grandi valori umani.

Dopo qualche giorno, gli scolari hanno consegnato gli elaborati alle operatrici del “Multiplo”(come richiesto), fieri di aver raccontato come hanno dedicato un po' del proprio tempo alla collettività o semplicemente a un familiare, a un vicino, a un amico..

In qualità di educatrici, possiamo affermare che sarà sempre una delle nostre priorità insegnare ai giovani che l'opera umana più bella è quella di essere al servizio del prossimo.

Si informa che sul giornale locale “Paese Nostro” del mese di Dicembre 2016 è stato pubblicato l’ articolo dal titolo: Pensieri degli alunni delle primarie: “Donare è ricevere”, corredato da alcuni pensieri dei nostri bambini e uno dei disegni relativi all’attività.

Alleghiamo alcuni testi prodotti dai bambini.

 

“ Mio nonno accostò la macchina e a un certo punto svenne. Io mi spaventai...presi del thè e glielo feci bere. Dopo cinque minuti si riprese... pensai di averlo salvato. Mi disse che era fiero di me, perché avevo fatto una cosa bellissima... E' come se gli avessi donato la vita. E anch'io ho ricevuto un regalo prezioso: un bellissimo sorriso e un affettuoso bacio dal mio amato nonno.” (Valentina)

 

Mio nonno si ammalò. Lui era triste e io lo aiutavo ad alzarsi... lui diceva che facevo troppo per lui e che avevo un dono speciale : regalavo sorrisi.... Adesso che non c'è più, mi manca … Bisogna essere generosi; non bisogna per forza fare qualcosa di materiale in cambio. Le azioni migliori sono fatte con il cuore ( Anna)

 

Molte volte, per molte persone, la vita è durissima e dolorosa, perché non hanno una casa, una famiglia, un lavoro e neanche del cibo. (Fausto)

 

Durante la Notte Bianca vidi una donna con in braccio un bimbo di due mesi. Mi fermai e chiesi a mio nonno cinque euro... così li misi nel cappello... Nel mondo ci sono tantissime persone che vivono in strada senza casa... Dobbiamo cercare di donare sempre qualcosa perché donare è ricevere. Ricevere vuol dire anche non aspettarsi un regalo, ma ricevere un sorriso, un grazie, un abbraccio senza bisogno di essere ricompensati. (Daniel)

 

Ho dato cinque euro a una donna che aveva un bambino dentro un fagottino di coperte. Basta veramente poco per rendere felice una persona e per rendere felice te stesso più della persona che ha ricevuto (Giorgia)

 

Io adoro aiutare le persone, perché se le aiuto, mi sento meglio... Io dedico molte ore ad aiutare la mamma . (Giulia)

Progetto base realizzato da Nadia Caprotti nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.